Banana bread

Da tempo volevo preparare questo dolce americano che mi ha rubato il cuore quando la prima volta l’ho assaggiato in Pennsylvania.
La famiglia che mi ospitava, lo preparava nel fine settimana per il brunch e lo serviva con il formaggio spalmabile.
Sì, posso immaginare che se non lo avete mai provato, pensare le bananane con il formaggio sembra impossibile…ma se vorrete osare non ve ne pentirete!
Tempo fa ho comprato in edicola il ricettario di Laurel Evans e ieri sono andata al supermercato con un unico obiettivo: Banana Bread!
Non sto a dirvi la soddisfazione quando l’ho assaggiato…sembrava di essere su una panchina di Central Park con una mega tazza di caffè bollente in mano…e gli scoiattolini tutti intorno!
Vi lascio alla ricetta e vado a tagliarmi una fetta del mio pane bananoso.
Banana bread

 

Banana bread

INGREDIENTI per il Banana bread

250 gr di farina
150 gr di zucchero
un cucchiaino di bicarbonato di sodio (io ho messo il lievito)
un pizzico di sale
100 gr di noci tostate
mezzo cucchiaino di cannella
mezzo cucchiaino di  noce moscata
4 banane mature (380 gr di polpa)
75 gr di yogurt
2 uova grandi
85 gr di burro fuso
mezza tazzina di caffè
PROCEDIMENTO
Preriscaldare il forno a 190°.
Mescolare in una ciotola i primi 7 ingredienti (dalla farina alla noce moscata).
Schiacciare con una forchetta le bananane e mescolarle agli ingredienti rimanenti (uova, burro, yogurt e caffè).
Unire il composto liquido e quello secco e mescolare nemmeno troppo bene.
Riempire uno stampo da plum cake imburrato e infarinato e infornare per circa 1 ora.
Vi ricordo che domani sarò su Blog Notes. Argomento del giorno: VIP & WEB
Se conoscete siti o blog di personaggi famosi o se avete qualche segnalazione da farmi in merito (tipo qualcuno che passa il tempo su twitter o posta immagini di vita privata…) fatemi sapere.
Aspetto come sempre tanti messaggi da leggere in diretta!
Buona giornata a tutti!

8 pensieri su “Banana bread

  1. milena crippa

    Pensando ai blog di personaggi famosi, mi viene in mente un articolo che trovai osceno di Selvaggia Lucarelli sulla Dieta Dukan: superficiale.
    Le scrissi una lettera di reclamo, mai pubblicata tra i commenti, ovviamente.
    La prova vivente che: non è che se sei “famosa” hai per forza qualcosa da dire.

    Replica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.