Archivio dell'autore: Giorgia Di Sabatino

Cous cous con asparagi e uova

Questo Cous cous con asparagi e uova è un piatto completo, bilanciato, sano e veloce.
Il cous cous non va cotto, lo sapete vero?

Ammorbidire il cous cous

L’unica cosa che dovete fare con il cous cous in grani secchi che trovate al supermercato è bagnarlo con acqua bollente.
Non sommergerlo di acqua, ma solo inumidirlo e poi lasciare che l’acqua venga completamente assorbita.
Non cuocetelo per nessuna ragione al mondo! Mi arrabbio.

Ricetta del Cous cous con asparagi e uova (2 porzioni)

INGREDIENTI

170 g di cous cous
2 uova
una mazzetto di asparagi
6 pomodorini
1/2 cipolla
Olio evo
sale

PREPARAZIONE

In una ciotola capiente condite il cous cous con un filo di olio e poi copritelo a filo con acqua bollente.
Lasciatelo riposare con il coperchio sopra e intanto preparate il condimento.
Tagliate gli asparagi eliminando solo la parte dura e cuoceteli in padella da crudi insieme ai pomodorini, alla cipolla tritata e all’olio.
Saltateli giusto pochi minuti perchè devono restare croccanti e poi salate.
A fine cottura aggiungete due uova e amalgamate tutto insieme con un cucchiaio di legno.
Se volete, potete anche non strapazzare le uova e lasciarle al tegamino.
Versate poi verdure e uova sul cous cous , oppure servite le uova con il cous cous in accompagnamento.
A mie piace fare il mappazzone, ma decidete voi!

Banana bread al burro di arachidi

Al mattino mangio quasi sempre il pane con la banana schiacciata e il burro di arachidi e allora mi sono detta che un banana bread al burro di arachidi era da provare assolutamente.
In effetti mi chiedo adesso perchè ho aspettato tutto questo tempo.

Burro di arachidi: quale?

A me piace quello basic, 100% arachidi e senza zucchero.
Mi piace smooth senza pezzettini e cremosissimo, ma per questa ricetta vanno bene tutte le varianti che preferite.
Se non vi piace il burro di arachidi sostituitelo con altre creme di frutta secca: burro di mandorle, anacardi, nocciole…quindi Nutella!

La ricetta del Banana bread al burro di arachidi

INGREDIENTI

80 g di burro di arachidi
2 uova
250 g di banane sbucciate e molto mature
80 g di olio di semi
230 g di farina 00
100 g di zucchero di canna
1 bustina di lievito
cannella

PREPARAZIONE

In una ciotola sbattete con una frusta a mano le uova con il burro di arachidi, l’olio e poi le banane ben schiacciate con la forchetta.
A parte setacciate e mescolate la farina con il lievito, lo zucchero di canna e la cannella.
Poi unite i due composti e versate tutto in un o stampo da plumcake rivestito con carta forno.
Cuocete a 180° in forno statico per 40 minuiti circa.

L’idea in più

Secondo me potete non aggiungere lo zucchero per rendere questo banana bread perfetto anche da accompagnare a qualcosa di salato.

L’ingrediente jolly

Non servirebbe aggiungere o modificare nulla, ma se volete potete decorare la superficie con le gocce di cioccolato e potete dare un po’ di croccantezza in più con della granella di arachidi.

Cotolette di farina di ceci

Mammamia che ricetta strepitosa.
Trovata su Instagram, non potevo che provarla immediatamente.
A casa mia queste cotolette di farina di ceci sono state un successone. Le ha mangiate anche Luca.

Una consistenza che ricorda la carne

La cosa interessante è che se all’inizio l’impasto non sembra stare insieme perchè super morbido, una volta messo in padella o al forno si compatta arrivando ad una consistenza che somiglia molto a quella della carne.
Ovviamente parliamo di farina di ceci quindi non vi dirò che sembra di mangiare pollo, ma vi prometto che se le proverete resterete super soddisfatti.

Ricetta delle Cotolette di farina di ceci

INGREDIENTI

150 g di farina di ceci
100 ml di acqua
1 cucchiaio di fecola di patate
1 cucchiaio di pangrattato + altro per la panatura
paprika
sale

PREPARAZIONE

Mescolate la farina di ceci con la paprika, la fecola e il pangrattato e aggiungete l’acqua.
Dovrebbe bastare la quantità indicata, ma se necessario aggiungetene ancora poca.
Il composto deve risultare morbido.
Salate e poi versate una cucchiaiata di composto alla volta nel pangrattato e formate delle cotolette schiacciandole leggermente e dando proprio la forma di una fettina di carne.
Cuocetele in padella con olio extravergine di oliva circa due minuti per lato oppure in forno a 180° per 15 minuti.

L’idea in più

Secondo me si possono fare anche delle piccole polpette allo stesso modo, magari anche con un sughetto semplice di pomodoro..

L’ingrediente jolly

Nella ricetta originale di Pasticciando con la Franca c’era un po’ di senape nell’impasto.
La prossima volta provo ad aggiungerla.
Quello che posso dirvi è che con un po’ di succo di limone sopra, una volta cotte, sono la fine del mondo, come le cotolette di carne!

Vegan frittata muffin

La Vegan frittata è una ricetta famosissima.
Si tratta di una pastella di farina di ceci e acqua che cotta in padella o in forno diventa consistente e sembra una frittata, ma solo per l’aspetto, il sapore è tutt’altra cosa ovviamente.
Io voglio proporvela in maniera carina, a forma di muffin.
Ecco quindi i vegan frittata muffin con i cavolfiori, un secondo che piace a tutti, vegani e non.

Cavolfiore in padella

Io ho aggiunto i cavolfiori perchè avevo quelli già pronti in frigorifero, ma potete mettere nella pastella di questa frittata vegana qualsiasi tipo di verdura cotta: zucchine trifolate, funghi, carote in padella, verdure in foglia.
I miei cavolfiori sono semplicemente tritati al coltello e poi cotti (da crudi) in una padella antiaderente con olio, sale e erbe aromatiche.
Aggiungo sempre un po’ di acqua e copro con il coperchio così il cavolfiore cuoce prima e viene un po’ morbido.

Ricetta dei vegan fritta-muffin

INGREDIENTI (per 12 muffin)

200 g di farina di ceci
400 g di acqua
sale
300 g di verdure cotte
olio extravergine di oliva

PREPARAZIONE

Mescolate la farina di ceci con l’acqua e salate leggermente.
Aggiungete la verdura tritata al coltello e versate la pastella in uno stampo da muffin unto con olio extravergine di oliva.
Attenzione, ungete bene altrimenti resterà tutto attaccato. Potete spolverizzare anche con il pangrattato, per sicurezza. Oppure utilizzate stampini di silicone.
Cuocete a 180° per 15 minuti circa in forno statico.

L’idea in più

Come dicevo, utilizzate stampi in silicone per evitare che le fritattine restino attaccate.

L’ingrediente jolly

Non esiste in realtà un ingrediente jolly.
Va bene tutto in queste frittatine, basta scegliere le verdure che preferite.

Crostata ripiena di mele

Una torta che piace tantissimo a mio marito e che preparo sempre nelle grandi occasioni come il suo compleanno e la festa del papà.
La crostata ripiena di mele è uno sorta di strudel, ma di pasta frolla morbida e leggermente lievitata. Il segreto è farcirla con tantissime mele, ma proprio tante tante eh.

Ricetta della Crostata ripiena di mele

INGREDIENTI

4 mele golden
250 g di farina 00
100 g di burro
1 uovo grande o due piccoli
un pizzico di lievito
80 g di zucchero + due cucchiai
cannella
uvetta
1 limone

PREPARAZIONE

Preparate la frolla mescolando il burro freddo con la farina, 80 g di zucchero e il lievito.
Una volta ottenute le briciole aggiungete l’uovo e lavorate l’impasto prima di avvolgerlo nella pellicola e riporlo in frigorifero per 30-60 minuti. Se dovesse risultare molto secco aggiungete un po’ di latte.
Affettate le mele con una mandolina (io lascio la buccia) e mescolatele con la cannella, due cucchiai di zucchero, una manciata abbondante di uvetta, la scorza grattugiata del limone e un po’ di succo.
Dividete l’impasto a metà e stendete una parte tra due fogli di carta forno.
Adagiatela su una tortiera da 24 cm di diametro e versate al centro le mele.
Coprite con l’impasto avanzato steso con il matterello.
Sigillate la circonferenza, bucherellate la superficie e cuocete a 180° per circa 40 minuti in forno caldo statico.

L’idea in più

Potete omettere il lievito dalla frolla se la preferite più croccante e potete anche utilizzare due rotoli di brisè confezionata per fare prima.

L’ingrediente jolly

Potete giocare con il ripieno un po’ come volete.
Con le mele stanno bene anche altri frutti e potete dare un po’ di croccantezza con mandorle e noci.

Se non l’hai ancora fatto, leggi IL POST DEFINITIVO SULLA TORTA DI MELE

Mini Crepes di ceci

Che carine e che buone queste mini crepes di ceci.
Si preparano con un solo ingrediente, la farina di ceci, e un po’ di acqua.
La cosa bella è che potete farcirle in mille modi e farle sia dolci che salate.

Ricetta delle Mini Crepes di ceci

INGREDIENTI

50 g di farina di ceci
100 g di acqua

PREPARAZIONE

Con una forchetta mescolate la farina di ceci con l’acqua e aggiungete il sale, o lo zucchero.
Una volta pronta la pastella lasciatela riposare un’oretta in frigorifero se potete, oppure utilizzatela subito.
Con un mestolo versatela poco alla volta in una padella antiaderente oliata.
Io utilizzo una padellina piccola nella quale cuocio una crepe alla volta.
Due minuti per lato e il gioco è fatto.
Le farcisco in genere con ricotta e verdure cotte al forno o in padella.

L’idea in più

Potete aromatizzare la pastella con delle spezie come paprika, curry o curcuma oppure con erbe aromatiche.

L’ingrediente jolly

Secondo me se le fate dolci e le farcite con ricotta e gocce di cioccolato non ve ne pentirete.

Gnocchi in padella

Gli gnocchi in padella sono un contorno, credo.
Alla fine sono patate con un po’ di farina, quindi possiamo definirli contorno, non credete?
Nel dubbio, provateli perchè sono pazzeschi.

Gnocchi freschi e gnocchi confezionati

Potete utilizzare quello che preferite, anche gli gnocchi fatti in casa, ma secondo me quelli confezionati tengono meglio la cottura e vengono meno gommosi.
So che esistono anche gnocchi proprio adatti per la cottura in padella, ma io sinceramente non li ho mai visti.

Ricetta degli gnocchi in padella

INGREDIENTI

gnocchi di patate
olio extravergine di oliva
rosmarino
sale

PREPARAZIONE

Scaldate dell’olio in una padella e poi cuocete gli gnocchi CRUDI.
Non dovete bollirli in acqua, devono proprio essere cotti nell’olio da crudi.
Aggiungete il rosmarino e il sale e lasciateli dorare sempre mescolandoli.
Non devono essere fritti ad immersione, ma solo rosolati.
Serviteli caldi.

L’idea in più

Potete anche cuocerli allo stesso modo in forno per 20 minuti a 200° oppure nel grill per meno tempo.

L’ingrediente jolly

Potete aggiungere delle spezie a piacere.
Per esempio la paprica oppure l’aglio secco e il peperoncino.

Patate dolci profumate

Le patate dolci sono quella cosa che quando le trovi al supermercato compri per curiosità e poi non sai che farne. Ecco, io le tratto come patate normali e le cucino al forno, spesso profumate con spezie e erbe aromatiche, come in questa ricetta.

Dure come la pietra

Sono durissime da tagliare quindi armatevi di un bel coltello con lama affilata e non pensate di sbucciarle, almeno io non lo faccio mai.
Lavatele molto bene e poi asciugatele con carta da cucina. La buccia non disturba, prometto!
Sono buonissime fatte anche a bastoncini oppure come le classiche patate al forno tagliate a pezzi e condite con olio e sale.

Ricetta delle Patate dolci profumate

INGREDIENTI

2 patate dolci abbastanza grandi
200 g di caprino fresco o ricotta o feta
erbe aromatiche miste (erba cipollina, maggiorana, origano, salvia…)
Spezie a piacere (paprika, pepe, peperoncino)
Olio extravergine di oliva
sale
prezzemolo fresco o coriandolo per completare

PREPARAZIONE

Tagliate a metà nel senso della lunghezza le patate e incidetele con un coltellino disegnando una griglia. Non rompete la base.
Spalmate con le mani un po’ di olio sulla polpa e nei tagli e poi condite con il resto.
Infornate a 200° in forno statico per circa 45 minuti e una volta pronte, e ancora calde, servite con caprino o altro formaggio magro e completate tutto con del prezzemolo fresco tritato al coltello.

L’idea in più

Come dicevo prima, potete anche preparare le patate dolci a bastoncino.
Passatele un pochino nella fecola di patate mescolata con delle spezie e poi infornate.
Verranno croccantissime.

L’ingrediente jolly

Quella che vi ho proposto è una ricetta super leggera e molto bilanciata.
Se volete trasformarla in un piatto goloso all’ennesima potenza farcite le patate con il gorgonzola a fine cottura oppure con un formaggio saporito e filante.

Frittelle pancakes di mele

Non friggo mai, ma amo le frittelle di mele.
Ho trovato una soluzione per farle leggere come dei pancakes….anzi sono a tutti gli effetti dei pancakes!

Ricetta delle Frittelle pancakes di mele

INGREDIENTI

1 mela golden grande
1 uovo
50 g di farina integrale
50 g di farina 00
1 cucchiaino di lievito
100 ml di latte (a piacere)
un cucchiaio di zucchero

PREPARAZIONE

Lavate la mela e prelevate il torsolo con l’apposito aggeggino.
Tagliatela a fette non troppo sottili ottenendo come delle ciambelle con il buco in mezzo.
A parte sbattete l’uovo con lo zucchero e il latte e aggiungete poi le farine setacciate con il lievito. Potete usare anche solo farina 00 (100g).
Una volta pronta la pastella immergete all’interno le fette di mela e poi cuocetele poco alla volta in una padella antiaderente leggermente unta o imburrata, calda. Mi raccomando calda!
Un minuto per lato e saranno pronte.
Servite a piacere con sciroppo d’acero o confettura.
Con la pastella avanzata potete fare altri pancakes di mela oppure pancakes semplici.

L’idea in più

Potete con la stessa pastella avvolgere delle fette di ananas oppure mirtilli o altra frutti a piacere. Otterrete dei pancakes super saporiti.

L’ingrediente jolly

Se vi piace la cannella aggiungetela alla pastella per renderla più profumata.

Plumcake allo yogurt con il cioccolato

Ho provato questo plumcake con lo yogurt greco e il cioccolato un po’ per caso perchè dovevo finire lo yogurt in scadenza.
Capita sempre così a casa mia. Le ricette migliori sono quelle improvvisate.

Yogurt greco senza grassi

Nel mio frigorifero non manca mai lo yogurt greco Fage 0% di grassi.
Lo mangio a colazione con l’avena e la frutta oppure a merenda con un cucchiaino di crema Novi o una banana schiacciata.
Ammetto che al naturale non riesco a mandarlo giù, ma arricchito con qualcosa di dolce mi regala grandi soddisfazioni e mi sazia da matti.
Ah, anche con il burro di arachidi spacca!
Con lo yogurt greco preparo anche una mousse molto buona, i ghiaccioli alla frutta in estate, e molte torte tipo questo plumcake con le mele.

Ricetta del Plumcake allo yogurt con il cioccolato

INGREDIENTI

3 uova
180 g di zucchero
175 g di yogurt greco magro
300 g di farina
120 g di olio di semi
una bustina di lievito
60 ml circa di Ratafià o altro liquore a piacere
100 g di cioccolato fondente tritato al coltello

PREPARAZIONE

Partite montando a lungo le uova con lo zucchero. Devono raddoppiare di volume.
Aggiungete poi lo yogurt e l’olio e infine il liquore montando sempre con le fruste.
Completate con la farina setacciata con il lievito e solo quando tutti gli ingredienti saranno ben amalgamati aggiungete il cioccolato.
Versate il composto in uno stampo da plumcake rivestito con carta forno e cuocete a 180° per circa 40-45 minuti.

L’idea in più

Potete con lo stesso composto preparare una torta o dei muffin.
Se avete un forno ventilato cuocete a 170° per 35 minuti.

L’ingrediente jolly

Potete aggiungere delle noci o anche della frutta fresca a pezzi.
Secondo me fragole o pere starebbero benissimo.
Se non trovate il liquore Ratafià sostituitelo con anice o rum.

Pizzette bianche

La pizzetta è la colazione preferita di mio figlio a scuola, meglio se bianca, “così non mi sporco le mani mamma!”

Adoro impastare, soprattutto pane e pizza. Mi piace provare a miscelare farine diverse, aggiungere all’impasto qualche semino, capire qual è la giusta quantità di liquidi a seconda del risultato che voglio ottenere. Insomma, una volta a settimana almeno inforno un impasto morbido lievitato, e quasi sempre è una pizza o una teglia di focaccine rotonde piccole e da farcire.

La ricetta è molto semplice, tanto che il più delle volte mi faccio aiutare da mio figlio a mescolare gli ingredienti e a preparare le pizzette. Tra l’altro lui è super contento quando lo coinvolgo in questo genere di attività e mangia molto più volentieri sapendo che quello che esce dal forno è opera sua.
Pensateci mamme, questo è un bellissimo gioco da fare insieme!

INGREDIENTI della pizzetta bianca

INGREDIENTI

500 g di farina 0
250 ml di latte
1 cubetto di lievito di birra (o una bustina di lievito di birra in polvere)
1 uovo
sale qb
un pizzico di zucchero
una tazzina di olio EVO

PREPARAZIONE

Sciogliete il lievito di birra nel latte e poi mescolate tutto alla farina insieme all’uovo leggermente sbattuto, all’olio e allo zucchero. Solo alla fine aggiungete il sale.
Lasciate riposare l’impasto coperto con la pellicola per circa 2 ore, poi dividetelo in tante palline di media grandezza.
Disponetele su una placca da forno leggermente oliata e schiacciate le palline con i polpastrelli per formare delle pizzette rotonde. Stendetele con le dita bagnate con poco olio e lasciatele lievitare per altri 30 minuti.
Salate e infornate a 230° prima nella parte più bassa del forno per circa 10 minuti e poi a metà forno finché non diventano dorate.

5 colazioni che amo

Il mio pasto preferito è la colazione e non mi stancherò mai di dirlo.
Vado a letto pensando già a cosa mangerò colazione. A volte apparecchio anche la sera prima.
Non rinuncio a farla anche se ho poco tempo, anzi metto sempre la sveglia prima per farla con calma e soprattutto da sola.
MI piace anche tanto variare perchè sono tutto tranne che abitudinaria.
Ecco a voi quindi le mie 5 colazioni preferite.

Pane, burro di arachidi e banana

Questa è la colazione che faccio più spesso durante la settimana perchè è super veloce.
Schiaccio su una fetta di pane integrale o di segale una banana abbastanza matura e poi aggiungo un cucchiaino di burro di arachidi.
A volte aggiungo un po’ di cannella, a volte metto la tahina o la crema di mandorle al posto del burro di arachidi.

Pane e ricotta

Una colazione che mi regala una certa soddisfazione e tiene la mia fame a bada per molte ore è a base di pane e ricotta.
Mi piace la ricotta di mucca un po’ rustica, quella locale, e in genere la mescolo con la cannella.
Per dolcificare aggiungo un po’ di miele o una confettura.
Le mie preferite sono: fichi, uva, prugna e arancia e poi quelle un po’ strane tipo mela cotogna, rosa canina, rabarbaro e cose cosi.
Pane e ricotta mi piace anche in versione salata, specialmente in estate, con il pomodoro, un pizzico di sale e l’origano.
Le colazioni salate sono abbastanza rare devo dire. A volte mi preparo un uovo sbattuto oppure mangio del salmone affumicato.

Pancakes veloci

Specifico “veloci” perchè anche io al mattino non ho tempo di mettermi ai fornelli.
Li preparo a sentimento e vi spiego come.
Sbatto un uovo con un cucchiaio di latte e poi aggiungo piano piano la farina e un pizzico di lievito. Dovrebbero bastare circa 40 g di farina per una buona consistenza. Non aggiungo zucchero e verso il composto in un padellino antiaderente, ma davvero molto antiaderente, e caldo. Viene fuori un pancake alto e perfetto. Cuoce due minuti per lato.
Altre volte schiaccio mezza banana con l’uovo e sempre piano piano aggiungo farina e lievito.
A volte sostituisco la farina 0 con quella di avena o integrale.
Mi piacciono da pazzi i pancakes con litri di sciroppo d’acero, ma molto spesso li condisco solo con frutta fresca o crema di nocciole.

Porridge

Si sa che vado pazza per il porridge. Pazza!
Lo preparo una volta a settimana, quasi sempre la domenica perchè c’è anche mio marito a casa che lo apprezza molto.
La ricetta base per una porzione è sempre la stessa: 30 g di fiocchi di avena piccoli, circa 100 ml di latte o acqua.
Cuocio tutto in un pentolino fino ad ottenere una crema e poi aggiungo il cacao o la cannella o entrambi. A volte addolcisco con una banana schiacciata o cuocio della frutta a pezzi piccoli piccoli insieme al latte e all’avena. Mela e pera sono perfetti.
Il momento di massima goduria è quando metto un cubetto di cioccolato fondete sul porridge caldissimo e lo lascio sciogliere. Felicità assoluta!

Torta di mele o brioches

Il sabato ogni tanto mi concedo una colazione golosa a base di brioches o torta fatta in casa.
Non manca quasi mai la torta di mele perchè mio marito ne va pazzo, ma anche la torta al cacao per Luca.
Io invece amo le brioches, specialmente alla crema, ma quelle le compro perchè non so farle sfogliate come quelle della pasticceria.
Quando ho tempo preparo maritozzi, cornetti veloci, cornetti al burro e panbrioche e se avanza qualcosa (raramente) congelo.

Cosa bevo ogni mattina

Di certo il caffè. Ho provato a diventare tipa da tè, ma non ce l’ho fatta.
Ultimamente amo prepararmi il cappuccino con il latte di soia alla cannella e utilizzo un montalatte strepitoso che scalda, ma anche no.
Mi piace mettere il caffè sul fondo di una tazza, poi una spolverata di cannella, poi latte montato e poi ancora cannella.
Quando, raramente, al mattino mangio lo yogurt greco, evito il cappuccino e bevo solo un caffè.