Archivio dell'autore: Giorgia Di Sabatino

Tiramisù classico

Ricetta del tiramisù classico

Ingredienti 

5 uova
120 g di zucchero
750 g di mascarpone
150 ml di caffè freddo
cioccolato fondente
300 g di Savoiardi

Preparazione

Preparate il caffè e lasciatelo raffreddare.
Io non lo dolcifico.

Sbattete con una frusta elettrica i tuorli con 60 g di zucchero per 10 minuti.
A parte, montate a neve gli albumi con 60 g di zucchero.
Aggiungete ai tuorli il mascarpone a temperatura ambiente mescolando sempre con la frusta.
Per ultimi gli albumi, molto lentamente, facendo dei movimenti circolari dall’alto verso il basso con una spatola.

Sporcate il fondo di una pirofila con la crema e iniziate a comporre il primo strato di Savoiardi bagnati nel caffè.
Devono essere bagnati solo per un secondo per mantenere una certa consistenza.
Coprite i biscotti con una parte di crema, poi proseguite con un secondo strato di biscotti e concludere con altra crema.
Decorate tutto con del cioccolato fondente grattugiato oppure con il cacao amaro setacciato, ma solo prima di servire il dolce.

L’idea in più

Potete utilizzare i Pavesini, ma non sarò io a dirvelo.
Potete usare anche frollini o amaretti, vale la pena provare.
Ma sapete cosa potete usare per creare un dessert da urlo? Una torta al cioccolato tagliata a fette e bagnata nel caffè, oppure i Trancini del Mulino Bianco…sì, l’ho detto, e non me ne pento

Scarola in padella

Scarola in padella

Ingredienti

Foglie di scarola
2 spicchi di aglio
5-6 alici sott’olio
Una manciata di olive nere
Una manciata di pinoli
Uvetta (facoltativa)
Olio extravergine di oliva
Sale

Procedimento

Lavate molto bene la scarola e poi cuocetela in padella con olio e aglio.
Quando sarà diventata morbida, dopo circa 10 minuti, aggiungete olive e alici e cuocete solo per un paio di minuti. Se vi piace, aggiungete anche l’uvetta.
Salate a piacere e se volete aggiungete il peperoncino.
Servite la scarola con sopra una manciata di pinoli tostati.

Il consiglio in più

In alcune ricette regionali troverete anche la variante con il pangrattato aggiunto alla fine.
Io personalmente la preferisco cosi al naturale, servita su una fetta di pane tostato.

Pancakes yogurt e banana alla vaniglia

Pancakes yogurt e banana alla vaniglia

Ingredienti

1 banana
1 uovo
80 g di yogurt greco
70 g di farina
1/2 bustina di lievito
Estratto di vaniglia o vanillina

Procedimento

Frulla una banana abbastanza matura con un uovo, lo yogurt e la vaniglia.
Aggiungi poi la farina e il lievito e frulla ancora.
Puoi dolcificare con zucchero o sciroppo d’acero, ma non è necessario.
Una volta pronta la pastella, versala con un mestolo in una padella antiaderente leggermente unta e cuoci i pancakes un minuto per lato.
Impilali per mantenerli caldi e umidi e servili con frutta fresca e sciroppo d’acero o miele.

Il consiglio in più

Ami la cannella?
Questo è il momento giusto per inserirla nella tua colazione.
Mettine un po’ nell’impasto e rendi questi pancakes ancora più speciali.

Sai che…

Puoi fare questi pancake anche in versione vegana.
Elimina l’uovo e aggiungi un cucchiaio di più di yogurt.
Lo yogurt ovviamente diventa vegetale, quindi di soia, e vi consiglio di utilizzare quello alla vaniglia. Per il resto è tutto uguale!

Gran stinco di prosciutto arrosto con pere e patate

Siete alla ricerca del secondo perfetto da portare a tavola durante le feste?
Che sia facile, veloce, ma di grande effetto?
Vi presento il Gran stinco di prosciutto arrosto di Negroni che io ho cucinato con ingredienti un po’ insoliti perché volevo assicurarmi l’effetto sorpresa.

Ricetta dello stinco di prosciutto con pere e patate dolci

Ingredienti

Gran stinco di prosciutto arrosto Negroni
1 gambo di sedano
2 patate americane
2 pere non troppo mature
Rosmarino, maggiorana e alloro
Olio extravergine di oliva
Sale e pepe

Preparazione

Disponete lo stinco all’interno di una pirofila e mettete tutto intorno le patate americane tagliate a cubetti, le pere affettate e con la buccia, il sedano e le erbe aromatiche.
Condite con olio, sale e pepe e infornate a 200° in forno statico per circa 40 minuti.

Come accompagnare questo secondo?

Questo piatto è già completo così perché ci sono le patate e le pere che in cottura diventeranno morbide e gustose. Se volete potete preparare un purè di sedano rapa che ha un gusto amarognolo che contrasta la dolcezza della frutta e si prepara come il purè di patate.
Altro contorno insolito e interessante potrebbero essere delle cipolle in agrodolce cotte con zucchero di canna, poco olio e aceto balsamico.

Non vi piacciono le pere?

Nessun problema, potete sostituirle con le mele golden che negli arrosti stanno particolarmente bene.
E se non trovate le patate americane, andranno benissimo anche delle patate novelle.

Post sponsorizzato in collaborazione con Negroni.

Involtini di melanzane al forno

Questa ricetta si crede una parmigiana light, ma non lo è.
Gli Involtini di melanzane al forno sono un gustoso secondo, perfetto se volete togliervi uno sfizio mantenendovi in forma, perchè sembrano il piatto più peccaminoso del mondo, ma invece no. Sono sani, leggeri e si preparano con pochissimi ingredienti.

Ricetta degli Involtini di melanzane al forno

INGREDIENTI

1 melanzana grande o più melanzane piccole
500 ml di passata o conserva di pomodoro
350 g di ricotta
origano
sale
olio evo
basilico fresco

PREPARAZIONE

Per prima cosa affettate le melanzane nel senso della lunghezza per ottenere fette grandi e lunghe, e poi grigliatele su una piastra caldissima.
Preparate il ripieno mescolando la ricotta con il parmigiano, un pizzico di sale e dell’origano.
Mettete un cucchiaio di ricotta al centro di ogni fetta di melanzana e avvolgete formando tanti involtini. Intanto a parte preparate il sugo.
Se avete una conserva di pomodoro avanzata dall’estate va benissimo quella, altrimenti andrà bene anche una passata.
Conditela con olio, sale e qualche foglia di basilico senza cuocerla.
Sporcate una teglia da forno con una cucchiaiata di pomodoro e adagiate gli involtini uno accanto all’altro ben stretti.
Cospargete tutto con altro pomodoro, del parmigiano e un filo di olio e cuocete a 200° per circa 35-40 minuti.
L’ideale è servire questi involtini un po’ dopo la cottura, quando avranno perso l’acqua in eccesso e si saranno rappresi.
Sono ottimi il giorno dopo.

Torta frullata al cioccolato

Perchè si chiama “torta frullata al cioccolato”?
Perchè è proprio così che si fa.
Avete un Bimby, un food processor di qualunque tipo? Ecco, è tempo di usarlo.
Se non avete un frullatore non importa, facciamo in un altro modo.

Senza zucchero

Vabbè ovvio, ci sono già 300 g di cioccolato al latte, ci manca solo lo zucchero.
Il gusto alla fine è dolce, ma non stucchevole, anzi.
Se volete potete aggiungere un cucchiaio di zucchero di canna, ma non di più.

Ricetta della Torta frullata al cioccolato

INGREDIENTI

300 g di cioccolato misto (o come volete)
2 uova grandi o tre piccole
200 g di farina 00
1 bustina di lievito
120 g di latte
50 g di olio di semi

PREPARAZIONE

Tritate (frullate) il cioccolato fino a ridurlo quasi in polvere o comunque deve diventare grossolano. Non vi consiglio di usare il cioccolato bianco, o comunque solo quello.
Aggiungete uova, olio e latte e frullate ancora.
Solo alla fine farina e lievito frullando ancora.
Se non avete il food processor, tritate il cioccolato al coltello molto bene e montate il resto con le fruste. Poi mescolate.
Cuocete in forno statico a 180° per circa 40 minuti.
Io ho utilizzato un classico stampo da plumcake rivestito con carta forno, ma va benissimo anche uno stampo da torta da 23 cm oppure uno stampo per muffin.

L’ingrediente jolly

Direi che potete aggiungere noci o nocciole tritate pure loro o anche a pezzettoni solo sulla superficie. Se avete il coraggio e altri cioccolato da far fuori sì, sto per scriverlo davvero, potete decorare questa torta con il cioccolato fuso. L’ho detto.

Panini all’uvetta senza lievitazione

Lo sapete che odio aspettare in cucina.
Mi piace fare il pane e la pizza, ma ho l’ansia da lievitazione.
Ecco quindi i miei panini all’uvetta senza lievitazione che si preparano in 30 minuti, compresa la cottura.

Ricetta dei Panini all’uvetta senza lievitazione

INGREDIENTI

250 g di farina 00
130 g di acqua (o latte)
1 cucchiaio abbondante di olio evo
8 g di lievito istantaneo per dolci
uvetta

PREPARAZIONE

Molto semplicemente mescolate tutto lasciando alla fine solo l’uvetta che nel frattempo deve ammorbidirsi un po’ immersa nell’acqua.
Una volta formato un panetto dividetelo in 8 parti e ricavate delle palline.
Cuocetele distanziate un pochino nel forno statico a 180° per 25 minuti.

Versione salata

Se volete, potete utilizzare il lievito per torte salate, non quello di birra, ma quello istantaneo.
Un pizzico di sale se lo preferite, ma non è necessario, e al posto dell’uvetta olive o pomodori secchi e magari una manciata di parmigiano.
Il mio consiglio però è di provare anche la ricetta con l’uvetta con una combinazione salata, per esempio con il prosciutto crudo o il gorgonzola.

Straccetti di pollo croccanti

Quando non so cosa inventarmi con la classica fettina di pollo io impano tutto.
Taglio a striscioline e metto in forno questo straccetti di pollo croccanti che sono la fine del mondo e piacciono tantissimo ai bambini.

Ricetta degli Straccetti di pollo croccanti

INGREDIENTI

4 fette di pollo o tacchino
2 cucchiai di parmigiano
pangrattato qb
1 uovo
sale
olio evo

PREPARAZIONE

Tagliate il pollo a listarelle e immergetelo nell’uovo sbattuto.
A parte mescolate qualche cucchiaio di pangrattato con il parmigiano e un pizzico di sale e poi passate il pollo in questa panatura dopo averlo un po’ scolato dell’uovo in eccesso.
Disponete gli stracotti su una teglia rivestita con carta forno e cuocete a 200° in forno statico per 20 minuti o finché non saranno croccanti.

Altra ricetta che vi consiglio se amate le famose fettine panate è la Cotoletta di Nonna Elvira!

Verdure croccanti

Quando avanza un po’ di panatura (sempre!), io affetto melanzane o zucchine e le passo direttamente all’interno, non necessariamente dopo averle immerse nell’uovo.
Stessa cottura del pollo!

Cous cous con asparagi e uova

Questo Cous cous con asparagi e uova è un piatto completo, bilanciato, sano e veloce.
Il cous cous non va cotto, lo sapete vero?

Ammorbidire il cous cous

L’unica cosa che dovete fare con il cous cous in grani secchi che trovate al supermercato è bagnarlo con acqua bollente.
Non sommergerlo di acqua, ma solo inumidirlo e poi lasciare che l’acqua venga completamente assorbita.
Non cuocetelo per nessuna ragione al mondo! Mi arrabbio.

Ricetta del Cous cous con asparagi e uova (2 porzioni)

INGREDIENTI

170 g di cous cous
2 uova
una mazzetto di asparagi
6 pomodorini
1/2 cipolla
Olio evo
sale

PREPARAZIONE

In una ciotola capiente condite il cous cous con un filo di olio e poi copritelo a filo con acqua bollente.
Lasciatelo riposare con il coperchio sopra e intanto preparate il condimento.
Tagliate gli asparagi eliminando solo la parte dura e cuoceteli in padella da crudi insieme ai pomodorini, alla cipolla tritata e all’olio.
Saltateli giusto pochi minuti perchè devono restare croccanti e poi salate.
A fine cottura aggiungete due uova e amalgamate tutto insieme con un cucchiaio di legno.
Se volete, potete anche non strapazzare le uova e lasciarle al tegamino.
Versate poi verdure e uova sul cous cous , oppure servite le uova con il cous cous in accompagnamento.
A mie piace fare il mappazzone, ma decidete voi!

Banana bread al burro di arachidi

Al mattino mangio quasi sempre il pane con la banana schiacciata e il burro di arachidi e allora mi sono detta che un banana bread al burro di arachidi era da provare assolutamente.
In effetti mi chiedo adesso perchè ho aspettato tutto questo tempo.

Burro di arachidi: quale?

A me piace quello basic, 100% arachidi e senza zucchero.
Mi piace smooth senza pezzettini e cremosissimo, ma per questa ricetta vanno bene tutte le varianti che preferite.
Se non vi piace il burro di arachidi sostituitelo con altre creme di frutta secca: burro di mandorle, anacardi, nocciole…quindi Nutella!

La ricetta del Banana bread al burro di arachidi

INGREDIENTI

80 g di burro di arachidi
2 uova
250 g di banane sbucciate e molto mature
80 g di olio di semi
230 g di farina 00
100 g di zucchero di canna
1 bustina di lievito
cannella

PREPARAZIONE

In una ciotola sbattete con una frusta a mano le uova con il burro di arachidi, l’olio e poi le banane ben schiacciate con la forchetta.
A parte setacciate e mescolate la farina con il lievito, lo zucchero di canna e la cannella.
Poi unite i due composti e versate tutto in un o stampo da plumcake rivestito con carta forno.
Cuocete a 180° in forno statico per 40 minuiti circa.

L’idea in più

Secondo me potete non aggiungere lo zucchero per rendere questo banana bread perfetto anche da accompagnare a qualcosa di salato.

L’ingrediente jolly

Non servirebbe aggiungere o modificare nulla, ma se volete potete decorare la superficie con le gocce di cioccolato e potete dare un po’ di croccantezza in più con della granella di arachidi.

Cotolette di farina di ceci

Mammamia che ricetta strepitosa.
Trovata su Instagram, non potevo che provarla immediatamente.
A casa mia queste cotolette di farina di ceci sono state un successone. Le ha mangiate anche Luca.

Una consistenza che ricorda la carne

La cosa interessante è che se all’inizio l’impasto non sembra stare insieme perchè super morbido, una volta messo in padella o al forno si compatta arrivando ad una consistenza che somiglia molto a quella della carne.
Ovviamente parliamo di farina di ceci quindi non vi dirò che sembra di mangiare pollo, ma vi prometto che se le proverete resterete super soddisfatti.

Ricetta delle Cotolette di farina di ceci

INGREDIENTI

150 g di farina di ceci
100 ml di acqua
1 cucchiaio di fecola di patate
1 cucchiaio di pangrattato + altro per la panatura
paprika
sale

PREPARAZIONE

Mescolate la farina di ceci con la paprika, la fecola e il pangrattato e aggiungete l’acqua.
Dovrebbe bastare la quantità indicata, ma se necessario aggiungetene ancora poca.
Il composto deve risultare morbido.
Salate e poi versate una cucchiaiata di composto alla volta nel pangrattato e formate delle cotolette schiacciandole leggermente e dando proprio la forma di una fettina di carne.
Cuocetele in padella con olio extravergine di oliva circa due minuti per lato oppure in forno a 180° per 15 minuti.

L’idea in più

Secondo me si possono fare anche delle piccole polpette allo stesso modo, magari anche con un sughetto semplice di pomodoro..

L’ingrediente jolly

Nella ricetta originale di Pasticciando con la Franca c’era un po’ di senape nell’impasto.
La prossima volta provo ad aggiungerla.
Quello che posso dirvi è che con un po’ di succo di limone sopra, una volta cotte, sono la fine del mondo, come le cotolette di carne!

Vegan frittata muffin

La Vegan frittata è una ricetta famosissima.
Si tratta di una pastella di farina di ceci e acqua che cotta in padella o in forno diventa consistente e sembra una frittata, ma solo per l’aspetto, il sapore è tutt’altra cosa ovviamente.
Io voglio proporvela in maniera carina, a forma di muffin.
Ecco quindi i vegan frittata muffin con i cavolfiori, un secondo che piace a tutti, vegani e non.

Cavolfiore in padella

Io ho aggiunto i cavolfiori perchè avevo quelli già pronti in frigorifero, ma potete mettere nella pastella di questa frittata vegana qualsiasi tipo di verdura cotta: zucchine trifolate, funghi, carote in padella, verdure in foglia.
I miei cavolfiori sono semplicemente tritati al coltello e poi cotti (da crudi) in una padella antiaderente con olio, sale e erbe aromatiche.
Aggiungo sempre un po’ di acqua e copro con il coperchio così il cavolfiore cuoce prima e viene un po’ morbido.

Ricetta dei vegan fritta-muffin

INGREDIENTI (per 12 muffin)

200 g di farina di ceci
400 g di acqua
sale
300 g di verdure cotte
olio extravergine di oliva

PREPARAZIONE

Mescolate la farina di ceci con l’acqua e salate leggermente.
Aggiungete la verdura tritata al coltello e versate la pastella in uno stampo da muffin unto con olio extravergine di oliva.
Attenzione, ungete bene altrimenti resterà tutto attaccato. Potete spolverizzare anche con il pangrattato, per sicurezza. Oppure utilizzate stampini di silicone.
Cuocete a 180° per 15 minuti circa in forno statico.

L’idea in più

Come dicevo, utilizzate stampi in silicone per evitare che le fritattine restino attaccate.

L’ingrediente jolly

Non esiste in realtà un ingrediente jolly.
Va bene tutto in queste frittatine, basta scegliere le verdure che preferite.