Ciambellone della Virtù

Che nome strano ho dato a questa ricetta, vero?
Vi spiego subito.
Chi vive nella mia città sa perfettamente cosa intendo per Virtù.
Non si tratta di pregi e talenti particolari, ma di una ricetta tipica della mia città.
Qui a Teramo solo in un giorno dell’anno, il primo maggio, si prepara questo piatto che è un incrocio tra un minestrone, una zuppa di legumi e una pasta e fagioli…una goduria unica.
Si chiama Virtù perchè secondo la tradizione le donne di un tempo in primavera ripulivano la dispensa da tutti gli avanzi dell’inverno e ne facevano un piatto completo…e complesso.
17 verdure, di cui alcune selvatiche e a me sconosciute, cotte separatamente e solo alla fine riunite, insieme a diversi tagli di pasta all’uovo e legumi.
Si tratta di una ricetta lunga e difficile in cui non mi sono mai cimentata. Ogni anno, come fanno tutti, mi presento a casa di chi la fa (poche famiglie e qualche ristorante, e solo nella città di Teramo) con una bella pentola e prendo la mia porzione. Un rito strano per chi non lo conosce, ma molto molto divertente!
La cosa più bella è prenderne un po’ qui e un po’ lì da chi le ha fatte e le regala e poi decidere qual è la Virtù più buona!
Tutto questo per presentare il mio ciambellone, realizzato con tutti gli avanzi della mia cucina.
Odio avere confezioni mezze vuote di farina e frutta secca e prodotti in scadenza nel frigorifero.
Ecco perchè una volta al mese, e non solo il 1° maggio, faccio un riepilogo di quello che ho e di quello che deve sparire e mi invento qualcosa da mettere a tavola!
La Signora del Riciclo esiste per un motivo!
Comunque non sempre mi vengono in mente piatti fantastici e ogni tanto costringo mio marito a mangiare delle cose improvvisate e irripetibili perchè senza sapore e senza forma.
Vi assicuro, però, che questo dolcino qui è strabuono, anche se, sono sincera, ha un difetto.
Essendo un po’ friabile dovrete tagliare le fette pittosto grandi…e mangiarne un po’ di più.
Questi sono problemi seri, vero?
Provate a farlo e se avete una planetaria sarà ancora più facile. Questa è una di quelle ricette in cui potete buttare tutto dentro e montare con le fruste.
Che bello, quando mi invento delle ricette così golose e sane e con poca spesa mi sento una donna dalle mille VIRTU’…appunto!
Vado a mangiarmene una fettina con il caffè!
Ciao ciao

 

Ciambellone della Virtù

 

Ciambellone della Virtù

INGREDIENTI per il Ciambellone della Virtù

3 uova
300 gr di farina 00
50 gr di farina di cocco
50 gr di farina manitoba
250 ml di panna fresca
1/2 bicchiere di latte
1 bustina di lievito
1/2 bicchiere di olio di semi
1 mela golden
uvetta qb
1 bustina di vanillina
la scorza grattugiata di un limone

PROCEDIMENTO

Tritare finemente lo zucchero con la scorza di limone (oppure usate lo zucchero a velo).
Montare le uova con lo zucchero per qualche minuto e poi aggiungere a filo l’olio continuando a montare e infine la panna e il latte.
Aggiungere la farina 00, la manitoba e il lievito setacciati e mescolare ancora con le fruste.
Aggiungere la farina di cocco, la vanillina, l’uvetta e la mela sbucciata e tagliata a cubetti e mescolare ancora.
Riempire uno stampo da ciambellone precedentemente imburrato e infarinato e spolverizzare la superficie dell’impasto con un paio di cucchiai di zucchero.
Infornare a 170° per 40 minuti.

7 pensieri su “Ciambellone della Virtù

  1. Dolfy

    w l’uvetta! mi piacciono tutti i dolci che la contengono… e questo ciambellone virtuoso deve essere proprio una goduria, specialmente perchè la fetta va tagliata grossa 🙂

    Replica
  2. Fiocchi di neve e foglie di tè

    Aaah, anche a me piace tantissimo creare ricette così, dal nulla! Aprire la dispensa, usare gli avanzi, creare accostamenti un po’ insoliti e vedere cosa ne viene fuori.. Mi piace l’attesa mentre il dolce cuoce nel forno e poi il momento dell’assaggio! Ovviamente, spesso il risultato non è dei migliori.. ehmm! Ma è divertente lo stesso!!:) Non conoscevo la storia della Virtù, ma questa ciambella sembra davvero ottima! E sia, ne prenderemo una fetta un po’ più grande… facciamo ‘sto sforzo!
    Buona serata!:)

    Replica
  3. Elisa Pavan

    mai assaggiata quella minestra, dev’essere buonissima! brava che fai il riepilogo mensile e fai queste buone torte del riciclo, non come me, che ho appena dovuto buttare una busta da 250 gr di noci sgusciate (nn scadute ma diventate cattive)..

    Replica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.