Monday I’m in love. A lavoro!

Un Monday I’m in love che parla di lavoro, di come si affronta e di come si organizza…partendo dagli oggetti fondamentali!

Curioso che queste vacanze siano finite proprio di domenica e mai lunedì fu più difficile di questo, almeno per me. Un lunedì di inizio anno e di inizio di tante cose. Si riparte.
Come andrà il 2018? Chi può saperlo, se non forse Paolo Fox o Simon! A proposito, tirate subito fuori l’oroscopo più affidabile dell’anno, possibilmente che abbia buone nuove per i gemelli!
Io so solo che da questo nuovo anno non mi aspetto nulla.
La mia parola d’ordine sarà PROGRAMMAZIONE.

Non vi dirò quali sono i miei buoni propositi per il 2018 per non portarmi sfiga da sola visti i precedenti dello scorso anno.
Mettiamola così, non ho buoni propositi, ho solo propositi, programmi, cose da fare, che vorrei fare non dico benissimo, ma almeno con un po’ di organizzazione.
Vorrei lavorare perchè il mio lavoro è gran parte della mia vita e se non lo faccio con il sorriso e con un po’ di entusiasmo, che campo a fa?
E allora ecco quello di cui ho bisogno per organizzarmi e dare il meglio. Qualche cosina che renda più confortevole la mia postazione di lavoro dato che dovrò trascorrerci tante ore e che mi dia un po’ di motivazione per andare avanti con i vecchi progetti e con quelli che verranno.

Non stare gobba!
Me lo ripeteva sempre mio padre quando studiavo e me lo dice ora mio marito quando mi vede davanti al computer.
Quindi, sono ufficialmente alla ricerca di una sedia da ufficio perchè in questo momento lavoro su una sedia Kartell, bellissima per carità, ma scomodissima.
Mi piace molto questa. Sembra anche comoda, no?
La trovate su Dalani.

Giorno dopo giorno
Un’agenda è fondamentale!
Io ci scrivo solo quello che devo fare perchè se no mi perdo smemorata come sono, ma se fossi brava e un po’ più creativa la decorerei anche con disegnini, pensieri belli, carta colorata, ritagli di giornali e adesivi, un po’ come facevo al liceo. Ho visto dei video tutorial su YouTube per creare un’agenda perfetta che sia proprio.
Comunque, che voi siate brave bravissimi con la carta o schiappe schiappissime come me, una Moleskine va sempre bene. Io l’ho ordinata con una piccola personalizzazione (il nome del blog) e da anni scelgo la giornaliera 12 mesi. Per il 2018 rossa, perchè il verde speranzo l’anno scorso mi ha fatto perdere la speranza!

Organizzare gli spazi
Ho preso da Maison du Monde questo delizioso portatutto da appendere alla parete perchè avevo un gran caos sulla scrivania e vabè che chi si circonda di caos è un genio, ma perdere tempo a cercare un documento tra mille agende, quaderni e foglietti è proprio da scemi secondo me. No?
Almeno in questo modo metto via le agende e le penne e anche i libri che ho consultato di recente. Ah scusate, la panna spray è lì per caso, ma vuoi non mettere una lattina di panna spray sulla scrivania di una che scrive di cucina?

E luce sia!
Devo riprendere in mano il mio canale YouTube, ma devo farlo un po’ meglio e ho bisogno di migliorare la qualità dei video.
Da tempo ormai mi sono messa in testa di acquistare delle luci professionali, ma poi non so mai quali prendere. Avrei optato per queste che professionali non sono, ma divertenti si!
Qualcuno qui sa dirmi se faccio la scelta giusta?

Se non sai, lasciati aiutare!
Ho imparato in quest’ultimo anno lavorando sul web che se non sai fare qualcosa basta chiedere aiuto e si aprirà un mondo davanti a te.
E quindi nel 2017 (anno funestissimo per me!) ho chiesto aiuto a Clara per realizzare la nuova grafica del blog, a Giovanni per la parte prettamente informatica, a Chiara per il mio piccolo shop e a Ornella per capire il misterioso mondo di Instagram e grazie a lei siamo finalmente più di 10.000. Ancora pochi, ma buonissimi!
Mai smetterò di ringraziare anche Justine e Chiara che per prime mi hanno dato fiducia permettendomi di entrare a far parte di una grande famiglia, a Gaia fonte di ispirazione sempre e grande supporto.
Infine, sono felice di avere nella mia vita Sabina perchè grazie a lei scrivo ogni giorno di cose buone e belle.
Potrei fare tanti altri nomi, ma poi divento melensa e non va bene.
Questi professionisti hanno lavorato con me e per me e mi hanno aiutata a crescere tanto.
Perciò vi dico, chiedete quando non sapete, non improvvisate e investe sul vostro lavoro.

Pic: unsplash.com

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someonePrint this page