Bocconotti di Montorio

Bocconotti di Montorio VS Bocconotti di Teramo.
Non è una sfida, non vince nessuno. Li ho provati e posso dirvi in tutta onesta che sono buonissimi entrambi perchè sono diversi!

Forse chi non è di queste parti no capirà, perciò mi spiego meglio.
Montorio è un paese in provincia di Teramo e secondo molti (anche teramani) i bocconotti montoriesi sono i migliori.
Io dico che sono semplicemente molto diversi e onestamente non saprei dirvi quali preferisco perché davvero le due ricette non si somigliano nemmeno un po’ se non per il ripieno.
Ho scritto tante ricette di bocconotti, e direte voi, abbiamo davvero bisogno di quest’ultima versione? Ebbene si. Perchè tutte le ricette che troverete sul blog sono diverse l’una dall’altra.

Intanto ricapitoliamo la questione bocconotti e se volete provate questi:
Bocconotti teramani con il burro
Bocconotti teramani con lo strutto
Bocconotti al cioccolato (simili a quelli di Lanciano)

Perchè i bocconotti di Montorio?
Dovevo assolutamente provarli perchè a Teramo se non hai mai provato i bocconotti di Montorio non sei nessuno. Quindi, quando qualche giorno fa ho avuto sotto mano la ricetta di uno dei ristoranti più famosi di Montorio, Totò, mi sono detta: li faccio!
In effetti questi bocconotti sono molto diversi da quelli a base di strutto (o burro). Sono più croccanti, più saporiti, più dorati, “più bocconotti”…per come noi abruzzesi concepiamo i bocconotti. Ma anche quelli a base di strutto che ho pubblicato qualche giorno fa sono straordinariamente buoni. Semplicemente… diversi!

Il resto del mondo mi perdoni per questo post, ma non capita spesso che io mi cimenti in ricette della mia città e quando lo faccio devo farlo per bene!
Ora ho detto la mia e vivrò serena per sempre…nonostante le critiche che arriveranno inevitabilmente dai miei conterranei, temo!
Restano ancora da provare i bocconotti frentani, perchè mi dicono che anche quelli dovrebbero essere presi in grande considerazione nella ricerca del “bocconotto migliore d’Abruzzo”.
Comunque, per me non c’è sfida. I bocconotti sono i dolci del nostro Natale e come li fai li fai sono sempre straordiari come tutti le ricette del nostro bel paese.
Ognuno ha la sua ricetta da generazioni di nonne, mamme e zie ed è bello provarle tutte!

Detto questo, ecco la famosa ricetta di Totò.
Grazie Monica per la dritta!

Ricetta dei bocconotti di Montorio

INGREDIENTI
5 tuorli
1 uovo intero
350 gr di farina 00
100 gr di olio extravergine di oliva
150 gr du zucchero
Vanillina

Per il ripieno:
200 gr di confettura d’uva
50 gr di mandorle tostate e tritate
40 gr di cioccolato fondente
cannella qb
Vanillina

PREPARAZIONE
Per prima cosa preparare il ripieno ,mescolando tutti gli ingredienti e mettetelo da parte perchè si insaporisca per bene.
Poi lavorate a mano gli ingredienti dell’impasto mettendo al centro della farina tutto il resto.
Se avete un Bimby o un’altra planetaria mettete tutto insieme a velocità media e mescolate fino ad ottenere un composto morbido ed omogeneo.
Non aggiungete altra farina perchè la consistenza dell’impasto deve essere proprio così e va lavorata con le mani e non su una spianatoia con il matterello. Se vi sembra unta non preoccupatevi, è giusta così.
Procuratevi dei pirottini di alluminio per bocconotti e oliateli o imburrateli.
Se non li avete, utilizzate degli stampini in silicone o degli stampi da muffin rivestiti con pirottini di carta.
Prelevate delle palline di impasto poco più grandi di una noce e schiacciatele nei pirottini per creare la base dei bocconotti. Coprite leggermente anche i bordi dei pirottini schiacciando l’impasto e creando spazio per il ripieno. Inserite in ogni pirottino un cucchiaino di ripieno.
Prelevate altro impasto, questa volta una quantità minore di quella utilizzata per la base, e schiacciate la pallina tra i palmi delle mani per creare una copertura sul ripieno.
Saldate bene le estremità dei due impasti con i polpastrelli per evitare che fuoriesca ripieno in cottura.
Infornate a 180° per circa 15-20 minuti in forno statico.
Una volta freddi, spolverizzate i bocconotti con lo zucchero a velo.
Si conservano in una scatola di latta per più di una settimana.