Pesche alla piastra

Ma come alla piastra? Le pesche alla piastra? Cioè cotte?
Tutti mi hanno fatto le stesse domande.

pesche alla piastra

Prima della cottura…del dopo cottura non ho foto. Spazzolate tutte in un secondo.

Sì, ho cotto le pesche, e avrei potuto farlo anche con le albicocche…perchè le pere e le mele cotte non sono forse la fine del mondo? E l’ananas alla piastra.

Vabè, andiamo per ordine.
Segnatevi questa ricetta perché è una genialata che fa fare una super figura se avete tanta gente a cena, senza troppi sbattimenti.
Scegliete delle pesche noci dure, un buon brandy (magari non costoso come il mio!) e aromatizzate tutto con lavanda e rosmarino.

Io ho accompagnato le mie pesche con una cremina golosissima al mascarpone, ma sono buone anche senza se non volete eccedere con le calorie a fine pasto.
Questo è il dessert ideale da servire quando non avete tempo di pensare ad altro.
Si preparano nel giro di 30 minuti, ma in realtà 30 minuti sono il tempo di macerazione, perché di minuti ce ne vogliono 2 per cuocere le pesche!

INGREDIENTI per le Pesche alla piastra

6 pesche noci dure
1 rametto di lavanda fresca
1 rametto di rosmarino
2 bicchieri di brandy

Per la crema:
150 gr di panna fresca da montare
50 gr di mascarpone
1 cucchiaio di zucchero
cannella in polvere qb

PREPARAZIONE

Lavate molto bene le pesche e tagliatele a metà privandole del seme.
Non sbucciatele.
Lasciatele macerare per circa 30 minuti in una boule di vetro immerse nel brandy insieme alla lavanda e al rosmarino ben lavati.
Scolatele e cuocetele su una piastra molto calda o al barbecue.
Accompagnatele ad una crema realizzata con la panna montata insieme allo zucchero e mescolata con il mascarpone morbido. Servite con una spolverata di cannella se vi piace.

pesche alla piastra

Anche il Vecchia Romagna fa la sua figura! Io ho sbagliato bottiglia…