Torta di carote

Sapete cosa ci vuole per tirarmi su il morale in una brutta giornata? Una bella fetta di Torta di carote.
Torta di carote
Indovinate che tempo c’è qui da me oggi?
Sta per nevicare…
Un’altra giornata da passare a casa con il mio gn-ometto. Ormai anche lui è rassegnato!
Cerchiamo di iniziare questa settimana con il piede giusto. Quello che ci vuole è una buona colazione. Una tortina dolce, ma non troppo…magari dalla consistenza morbida e umida…profumata…sana…con pochi grassi…insomma ci vuole una bella, generossissima fetta di torta di carote!
La ricetta è rivisitata rispetto a quella classica che prevede anche le mandorle, perchè non le avevo…e poi devo confessare che ho dimenticato di aggiungere il lievito…ma è stata la cosa opiù azzeccata che abbia mai fatto. La torta è ancora più buona così…provare per credere!Torta di carote

INGREDIENTI per la Torta di carote

400 gr carote
3 uova
300 gr di farina 00
1 bicchiere di olio di semi
200 gr zucchero
100 gr zucchero di canna
Cannella in polvere a volontà
PROCEDIMENTO
Preriscaldare il forno a 180°. Pulire le carote e tritarle. In una ciotola mescolare le uova con lo zucchero e aggiungere poco per volta la farina e l’olio (se volete anche 1 bustina di lievito). Aggiungere a questo impasto le carote e infine la cannella. Riempire una tortiera rivestita con carta da forno. Infornare per 25-30 minuti.

27 pensieri su “Torta di carote

  1. Anonymous

    Ciao! Bel blog, e belle ricette! Vedo che un sacco di genitori, in rete, chiamano i figli ‘nano’…e non è molto carino, ti assicuro, sia per i figli, sia per chi è affetto da questa sindrome…Non voglio farti la morale, però riflettici, tanto non fa nemmeno ridere…continuerò a seguirti!

    Replica
  2. Your Noise

    Anch’io la faccio (anche) senza lievito, rimane di una consistenza spettacolare, molto morbida e umida, adattissima alla classica carrot cake 😉
    Bellabella, brava!
    Un bacione, buon lunedì 😉

    Replica
  3. bussola

    qui da noi invece è ritornato a splendere il sole….. non mi ricordavo più nemmeno come fosse oramai dopo tutta questa pioggia…..

    buonissima la torta

    Replica
  4. Strawberryblonde

    @Anonimo: non mi permetterei mai di offendere nessuno affetto da questa sindrome…io lo chiamo nanetto (e non nano)…come nella pancia lo chiamavo fagiolino…tra me e lui patatino o pisellino…a me fa ridere, non so…non credo che lui la prenda come un’offesa! Semplicemente non mi va di svelare il suo nome…tutto qui! E poi sembra Cucciolo dei Sette nani, è un piccolo folletto …è il mio mini-me…voleva essere solo un gioco! Ma se in questo modo turbo la sensibilità di qualcuno,senza volerlo, gli darò un altro nomignolo, promesso. Grazie per il consiglio! Da oggi sarà Gnometto!

    Replica
  5. wagashi stories

    chissà perchè il fatto di preparare le carote mi ha sempre impigrita e così non ho mai fatto la torta di carote! (nonostante fossi un’amante delle Camille… che poi le carote ce le vedi con il lanternino!) farei prima a passare da te per una fetta… ^^ buona settimana!

    Replica
  6. Fico e Uva

    La torta di carote ha da sempre incontrato il mio personalissimo gusto… dalle camille che mangiavo da piccola forse.. fino ad adesso! Mi piace anche la tua ricetta, la proverò!
    ciao fico&uva

    Replica
  7. sdauramoderna

    ottima questa torta e se posso permettermi, credo proprio che tuo figlio tu lo possa chiamare come ti pare senza che questo caro anonimo si metta a criticare… lascialo perdere, è uno che non sa che fare e se ne va in giro per i blog a segnalare gli errori di ortografia dei post… mi piacerebbe proprio che almeno avesse il coraggio di firmarsi sto simpaticone… a me nanetto piace da matti come soprannome e non ci vedo niente di offensivo. un bacio

    Replica
  8. Patrizia

    Che meraviglia la torta di carote…mi ripropongo sempre di farla e poi riamando sempre!!! Ti è venuta benissimo…una dolce colazione per il tuo gnometto…Un bacione

    Replica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.