Pan brioche vegano

Sapete che si può preparare un pan brioche vegano buonissimo con pochi ingredienti e senza troppa fatica? Ecco come.

pan brioche vegano

Ieri volevo preparare un pan brioche, ma non avevo uova e burro e allora mi sono inventata un’alternativa senza niente, quindi vegana! Forse non avrei dovuto utilizzare il lievito di birra per farla bene bene, ma avevo solo quello. Chiedo scusa ai vegani.

La consistenza è morbida e molto simile a quella del classico pan brioche, l’unica differenza sta nella crosta esterna che è un po’ più croccante.
Forse è anche un po’ colpa mia che ho combinato un pasticcio dopo l’altro. Ho lasciato lievitare l’impasto troppo a lungo perché l’avevo dimenticato. Poi ho fatto una seconda lievitazione…dimenticandola anche in questo caso un po’ più del previsto. Insomma, non ho seguito scrupolosamente la vera ricetta del panbrioche e ho fatto un guaio con i tempi, ma vi assicuro che il risultato è straordinario.

Ho messo nell’impasto del cioccolato fondente, ma voi potete mettere anche dell’uvetta.
Non ho nemmeno aggiunto lo zucchero perché ho utilizzato il latte di mandorla che è un po’ dolce. A me è piaciuto davvero molto e anche al resto della famiglia.
Ho fatto una treccia, ma questo impasto si presta benissimo anche per la preparazione di piccole brioche e panini da farcire.

Vi consiglio di provarlo e sono certa che non ve ne pentirete!

INGREDIENTI per il pan brioche vegano

550 gr di farina 00
1 bustina di lievito di birra secco
180 ml di latte di mandorla
2 cucchiai di malto (o miele per una versione non vegana)
un pizzico di sale
3 cucchiai di olio di semi
100 ml di acqua tiepida
gocce di cioccolato fondente

PREPARAZIONE

Lavorate la farina con il lievito, lo zucchero, l’acqua, il latte e l’olio e solo alla fine aggiungete un pizzico di sale.
Una volta pronto l’impasto, aggiungete il cioccolato o l’uvetta.
Impastate a mano o con una planetaria per qualche minuto e poi lasciate lievitare l’impasto in un recipiente ben coperto. Io lo lascio nel forno spento coprendolo con un canovaccio.
Dopo tre ore di lievitazione, lavorate nuovamente l’impasto e dividetelo in tre parti uguali.
Realizzate dei serpentelli non troppo lunghi né troppo sottili e intrecciateli.
Disponete la treccia su una teglia rivestita con carta forno e lasciate lievitare ancora un’ora coprendola.
Dopo un’ora spennellatela con del latte di mandorla e infornatela a 170° per circa 35-40 minuti.
Sfornatela a copritela finchè non si raffredda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.